Daniele Capoferri

Daniele Capoferri

Grafico e Web Designer

STOP A GOOGLE ANALYTICS

Facebook
Twitter
LinkedIn

SOMMARIO POST

Il fatto

Google Analytics è stato di fatto bandito in Unione Europea.

Dopo i “ban” arrivati da parte di Austria e Francia, anche l’Italia si è accodata, tramite il Garante per la protezione dei dati personali che ne ha vietato il suo utilizzo sul nostro territorio, o meglio ha intimato ad un sito web di rimuovere i Google Analytics dal proprio sito web, il motivo è che l’utilizzo di Google Analytics (GA) viola la normativa sulla protezione dei dati.

Questo servizio è distribuito in modo gratuito da Google, grazie a questo strumento si può osservare il comportamento di navigazione degli utenti sul proprio sito web o E-Commerce, da dove arrivano gli utenti, quanto tempo si fermano sul sito oppure quante e quali pagine del sito consultano.

Perché GA è stato bandito?

Come possiamo leggere nel comunicato stampa emesso il 23/06/2022, il Garante per la privacy, afferma che “il sito web che utilizza il servizio Google Analytics (GA), senza le garanzie previste dal Regolamento Ue, viola la normativa sulla protezione dei dati perché trasferisce negli Stati Uniti, Paese privo di un adeguato livello di protezione, i dati degli utenti“. 

Alcuni colleghi affermano che è sufficiente anonimizzare gli indirizzi IP degli utenti, attenzione non è assolutamente sufficiente infatti il Garante si è pronunciato pure su questo punto: “l’indirizzo IP costituisce un dato personale e anche nel caso fosse troncato non diverrebbe un dato anonimo, considerata la capacità di Google di arricchirlo con altri dati di cui è in possesso”, che tradotto dal burocratese significa che l’indirizzo IP costituisce un dato personale e, anche se offuscato, non diventa un dato anonimo.

Altri affermano che è sufficiente installare il nuovo Google Analytics (GA4), anche questo è falso in quanto ad oggi non ci sono certezze che rispetti il GDPR quindi si rischia di fare un lavoro inutile.

Ma non finisce qui, sta girando una mail con una richiesta….

In questi giorni i titolari dei siti web o E-Commerce in Italia stanno ricevendo una mail da un tale Federico L… (l’ho ricevuta pure io, ometto il cognome per questione di privacy), l’oggetto di questa mail è il seguente: 

“Uso illegittimo di Google Analytics: richiesta di rimozione ex art. 17 GDPR”

Il buon Federico L. chiede la rimozione dei suoi dati che il vostro Google Analytics ha registrato durante la sua navigazione nel vostro sito web o E-Commerce. 

Come ha fatto ad inviare tutte queste mail in poco tempo?

La mail è stata generata da un software che scandaglia il web in modo casuale e ogni volta che trova nel codice del sito lo script di GA fa partire una mail pre impostata (infatti sono tutte identiche).

Ogni email ricevuta proviene dallo stesso mittente, noreply@limesurvey.org, (limesurvey.org ha bloccato il suo account per violazione delle norme…).

Cosa fare con la mail ricevuta?

La richiesta contenuta nella email è del tutto legittima (a mio avviso molto discutibile il modo), anzi “forza” il titolare del sito web a prendere maggiore consapevolezza sul tema del trattamento dei dati raccolti dal proprio sito web, che quasi sempre viene vista con troppa leggerezza.

Quindi a mio avviso, (lo farò per me e lo consiglierò caldamente ai miei clienti) è quella di rimuovere i dati richiesti da GA, ma c’è un problema, il buon Federico a fronte della sua richiesta non fornisce un dato essenziale cioè il “Client ID” senza la quale non possiamo procedere alla rimozione dei dati richiesti.

Il mio consiglio è prima di tutto rispondere alla sua mail all’indirizzo da lui indicato domande@leva.li una volta in possesso del dato procedete alla rimozione (se non sapete come fare chiedete al vostro Web Master e se siete miei clienti chiedete a me direttamente).

Questa è la risposta che ho dato io alla mail:

Spett.le Federico Leva,

in qualità di titolare del trattamento dati degli utenti che navigano il mio sito web (danielecapoferri.it) prendo atto della sua legittima richiesta.

Le chiedo di fornirmi il client_id di Google Analytics cosi che io possa cancellare tutti i dati relativi alla sua navigazione come da sua richiesta

Mi indichi anche data ed ora della navigazione, cosi da rendere più veloce il processo di cancellazione dati.

Sto già provvedendo, entro i termini di legge, alla completa dismissione di Google Analytics dal mio sito web come da provvedimento del 9 giugno 2022 (9782890) del garante della privacy.

Attendo un suo riscontro, buona giornata.

Daniele Capoferri

Bisogna rimuove Google Analytics?

Prima cosa non bisogna avere fretta e cadere nel panico, ci sono 90 gg di tempo e molto probabilmente ci saranno nuovi sviluppi in quanto  il 25 marzo è stata annunciata l’intenzione di raggiungere un nuovo accordo sul trasferimento dati tra UE e USA. Questo accordo, in fase di discussione, dovrebbe risolvere il problema dei trasferimenti illegali di dati al di fuori dell’Europa.

Personalmente se la domanda mi fosse posta e dovessi rispondere con un sì o un no ma mia risposta sarebbe solo solo una, SÌ!

Bisogna passare a un servizio di Analytics con sede in Europa.

Chiunque vi proponga di installare GA4 con tutte le configurazioni lato server etc, se crede veramente a quello che dice fategli firmare una carta dove si prende lui la responsabilità di quello che farà, in quanto non è assolutamente garantito rispetti il GDPR quindi la soluzione è migrare verso altri sistemi di tracciamento e rimuovere GA3 o 4 che sia, per dormire sonni tranquilli. 

Al momento sto studiando delle soluzioni alternative ma sappiate che queste sono tutte a pagamento a differenza di GA che è gratuito. Ad ogni modo a oggi, non sono state emanate sanzioni economiche per l’uso di Google Analytics.

Se credi che internet possa essere una risorsa per la tua azienda ma non hai ancora trovato un partner che ti aiuti a sfruttare questo strumento, parliamone assieme analizzerò la tua situazione online e offline per capire insieme come posso aiutarti.

Contattami su WhatsApp (guarda in basso a destra del sito) oppure contattami QUI

Facebook
Twitter
LinkedIn

ALTRI ARTICOLI

risposta mail federico leva google analitycs

HO RISPOSTO ALLA MAIL DI FEDERICO LEVA (rimozione dati da Google Analytics) E COME RIMUOVERE I DATI UTENTE DA GOOGLE ANALYTICS.

Come avevo scritto nel post dedicato allo stop di Google Analytics anche io sono tra i fortunati ad aver ricevuto la famosa mail, dopo la ricezione mi sono subito attivato per soddisfare la richiesta di Federico rispondendo alla sua mail con la richiesta del suo client_id che viene rilasciato da Google in un particolare cookie chiamato _ga.

Creazione e sviluppo E-Commerce vendita detergenti e prodotti per la pulizia

CREAZIONE E-COMMERCE PER VENDITA DETERGENTI E PRODOTTI PER LA PULIZIA PROFESSIONALE.

KleenoShop è una azienda nata da qualche mese, il suo fondatore è Alberto, uno specialista del settore. L’azienda si occupa della distribuzione di prodotti professionali per la pulizia e la detergenza di tutti gli ambienti, casalinghi e lavorativi.

La loro mission è quella di portare i prodotti professionali per la pulizia, anche nelle case degli italiani, infatti fino ad oggi i prodotti in vendita su Kleenoshop.com erano prodotti di nicchia destinati ai professionisti delle pulizie.