Daniele Capoferri

Daniele Capoferri

Grafico e Web Designer

Sono arrivate le Google Web Stories!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

SOMMARIO POST

Da qualche settimana Google ha lanciato le Web Stories, oggi ho creato la mia prima Web Stories, vediamo cosa sono e quali vantaggi hanno!

L’annuncio era arrivato più di 1 anno fa (vedi annuncio di Google) e da qualche settimana sono una realtà.

Cosa sono le web stories?

Le Web Stories (o AMP Stories) non si differenziano dalle “classiche” storie che la maggior parte di noi usano nei social (Instagram, Facebook, YouTube, WhatsApp…etc) sono un formato di narrazione visiva (foto, video o animazioni) la differenza con le storie dei social è che quelle di Google vengono visualizzate quando si fa una ricerca in Google search (i risultati di ricerca di Google), in Google immagini e in Google Discover, esse non si differenziano molto dalle pagine web, infatti hanno un url (Uniform Resource Locator), cioè un indirizzo web, sono linkabili e possono essere collegate ad altre pagine web.

Le Storie AMP verranno visualizzate inizialmente per i contenuti relativi ai viaggi (quindi se hai un blog di viaggi o turismo questo è il momento di iniziare ad usarle) e successivamente verranno visualizzate per altri tipi di ricerche. Utilizzano la tecnologia AMP (Accelerated Mobile Page) questa tecnonologia che consente un caricamento istantaneo delle storie condivise, inoltre questo formato è spinto molto da Google il che significa che le pagine AMP sono premiate nei risultati di ricerca da mobile.

Altra differenza dalle storie dei social non hanno un limite di tempo, possiamo decidere noi quando cancellarle e anche quando pubblicarle.

Limiti delle web stories

I limiti sono:

• Massimo 10 parole.

• Possono contenere un massimo di 30 pagine.

• Il titolo puт essere massimo di 40 caratteri.

• I video devono avere una durata minima di 15 secondi e massima di 60 secondi.

Come e perché usarle

  1. 1. Possiamo creare contenuti accattivanti che coinvolgono gli utenti. Sono facili da realizzare e permettono di coinvolgere l’utente e migliorare la sua esperienza.
  2. Caricamento veloce e immediato (tecnologia AMP).
  3. Possiamo misurazione le prestazioni.
  4. Possono essere condivise, diffuse e integrate in siti e app.
  5. 5. Creazione di storytelling per raccontare la nostra azienda, il brand e il prodotto con contenuti ad alto impatto visivo.
  6. Consentono la monetizzazione con link di affiliazione.
  7. Sono un nuovo formato quindi chi inizia ad usarle da subito ha un notevole vantaggio sulla concorrenza.

Oggi ho provato a creare la mia prima storia direttamente dal sito web.

Qui trovi la mia prima storia che ho creato come test

Creazione AMP Stories
Creazione AMP Stories
Verifica e pubblicazione Google Stories
Verifica e pubblicazione
Archivio storie in WordPress
Archivio storie

Se credi che internet possa essere una risorsa per la tua azienda ma non hai ancora trovato un partner che ti aiuti a sfruttare questo strumento, parliamone assieme! Analizzerò la tua situazione online e offline per capire insieme come posso aiutarti.

Contattami su WhatsApp (guarda in basso a destra del sito) oppure contattami QUI

Dai un’occhiata al mio portfolio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

ALTRI ARTICOLI

WordPress 5.5 aggiornamento

WordPress 5.5, quali novità?

Ieri ho deciso di testare la nuova versione di WordPress (5.5) uscita ufficialmente il giorno 11 agosto. Si tratta di una major

Restyling sito web Rom Renzi

RESTYLING SITO WEB – Rom Renzi

Restyling del sito web per azienda che produce manufatti in metallo. Nella nuova versione il sito web è stato cambiato il layout

Lascia un commento