Daniele Capoferri

Daniele Capoferri

Grafico e Web Designer

Iniziare a vendere online con l’E-Commerce

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

SOMMARIO POST

Vuoi iniziare a vendere online? Stai pensando di aprire un E-commerce? Allora, devi prima di tutto capire che lo sforzo e l’investimento da fare non è piccolo e non è differente da aprire un negozio fisico.

In questo periodo molti hanno pensato di  portare la loro attività online, tutta o in parte, ma non è una soluzione per tutte le realtà e per tutte le tasche ci sono degli aspetti fondamentali da considerare.

Non tutte le attività hanno realmente esigenza di aprire un negozio online, a volte si può vendere online anche semplicemente tramite un form contatti o tramite una chat che poi porta direttamente alla vendita del prodotto privatamente o nel negozio fisico di prossimità.

Quali sono i vantaggio di vendere online

  • Aumentare le vendite, infatti puoi vendere in tutta Italia e/o in tutto il mondo
  • Vendite sempre attive H24, 7 giorni su 7, festivi compresi.
  • Pubblicità mirata

Come dicevo prima non tutte le attività sono fatte per vendere online. A mio avviso le possibilità di successo di un E-commerce si alzano notevolmente se principalmente: 

  1. Vendi prodotti unici nel loro genere
  2. Sei in grado di mettere in campo una forte strategia di marketing

Inoltre prima di sbarcare online è fondamentale analizzare il mercato di riferimento e poi scegliere una strategia adeguata.

Domande da porsi

Il tuo settore ha molti competitor online? 

Sei consapevole che per avere un ritorno dell’investimento non è breve e ci vorranno almeno 3 anni? 

Cosa puoi offri di differente rispetto a un tuo concorrente che è già vende online con il suo E-commerce? 

Un errore che spesso noto è quello di pensare di vincere sulla concorrenza con la strategia del prezzo più basso, ma la realtà è ben diversa, online ci sono tanti altri punti che dovrai tenere in considerazione, il prezzo è solo un pezzo del puzzle. Oltre il prezzo devi tenere in considerazione altri fattori, solo la conoscenza del tuo mercato ti farà capire se il tuo E-commerce può avere successo nel lungo periodo oppure no.

To do list per aprire un E-commerce

Per vendere online c’è un Iter burocratico e dei requisiti quali: 

  • Possedere una partita IVA;
  • Iscriverti al registro delle imprese;
  • Comunicare l’inizio dell’attività al comune;
  • Mettere in regola i dipendenti (se pensi di assumere personale)

Inoltre devi considerare che come tutte le attività avrai costi fissi:

  • Dominio
  • Hosting
  • Aggiornamenti tecnici e di contenuti
  • Costi di pubblicità (Social e Motori di ricerca)

Il Marketing

Una buona strategia di marketing per un E-commerce è la parte più importante, soprattutto se non sei un brand già noto.

Si parte dall’analisi delle parole chiave per il tuo settore che serve per posizionarti nei motori di ricerca in modo organico (SEO), capire il costi delle parole chiave per la pubblicità a pagamento nei mortori di ricerca (Google ADS), mettere in campo una strategia Social network individuando i canali più adatti al tuo settore.

Organizzare la parte di assistenza al cliente sia online che offline (resi, domande in chat, mail….)

In conlusione

Devi considerare l’appeal online del tuo business e i tuoi competitor che già vendono online.

Ad esempio se vuoi vendere abbigliamento online, devi sapere che in questo settore la concorrenza è altissima e dovrai investire molto in pubblicità per vendere efficacemente online, inoltre se sono brand che si possono trovare facilmente sui grandi marketplace dovrai fare leva sul prezzo riducendo i tuoi margini, in questo settore se vendi capi unici (magari sartoriali o fatti con stoffe particolari e ricercate) allora l’idea di aprire un E-commerce molto probabilmente è vincente, altrimenti se vendi capi delle marche più blasonate allora le probabilità di successo si riducono notevolmente. Quindi valuta il tuo settore nel mercato, può anche essere che i prodotti che vuoi vendere, online non avranno un grande successo. Sono tutte valutazioni fondamentali da fare, inoltre tieni presente che mediamente per rientrare dell’investimento di media ci vogliono tra i 2 e i 3 anni.

Sei pronto per tutto questo?

Se la risposta è sì allora parliamone assieme, contattami qui

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

ALTRI ARTICOLI

WordPress 5.5 aggiornamento

WordPress 5.5, quali novità?

Ieri ho deciso di testare la nuova versione di WordPress (5.5) uscita ufficialmente il giorno 11 agosto. Si tratta di una major

Restyling sito web Rom Renzi

RESTYLING SITO WEB – Rom Renzi

Restyling del sito web per azienda che produce manufatti in metallo. Nella nuova versione il sito web è stato cambiato il layout

Lascia un commento