Daniele Capoferri

Daniele Capoferri

Grafico e Web Designer

COME SCEGLIERE LE PAROLE CHIAVE PER IL TUO SITO WEB

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

SOMMARIO POST

Se hai in mente di sbarcare nel web con il tuo sito, inizia dalle parole chiave.

Dopo aver visto come scegliere il nome per il tuo sito web, oggi ti parlo di come scegliere le parole chiave per il tuo sito web, iniziamo?

Uno dei primi fattori quando si progetta un sito è la scelta delle parole chiave.

Le keyword sono le frasi che gli utenti cercano sui motori di ricerca, queste vanno implementate nel sito altrimenti non si riesce a catturare il traffico delle persone interessate ai nostri contenuti e/o prodotti.

Per capire le parole da usare è necessario usare lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google. In questa fase è importante pensare alle parole chiave che danno una risposta ai problemi delle persone, quindi non dalla soluzione che tu proponi con i tuoi prodotti, bisogna mettersi nei panni di chi cerca non di chi offre prodotti o servizi. 

Lo strumento di pianificazione delle parole chiave da delle stime sui volumi di ricerca per determinate parole chiave. Questo ci serve per creare pagine basandoci sulle ricerche che fanno le persone. Questa strategia ci consente risultati buoni anche sul lungo tempo. 

Iniziamo a scegliere le parole chiave formate da due, tre o quattro parole invece delle keyword secche composte da una sola parola, questo perché solitamente solo le più competitive. Queste tip di parole chiave si chiamano “keyword di coda lunga”, più lunga è meglio è anche se ha poche ricerche, questo ci consente di renderci affidabili ai motori di ricerca posizionandosi su keyword meno competitive in breve tempo, per poi in un secondo momento passare a quelle con più competizione.

Scegliamo le parole chiave

Iniziamo  dallo strumento delle parole chiavedi Google :

Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google
Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google

Per porte utilizzare lo strumento senza la carta di credito bisogna procedere in questo modo:

  1. – Apri una scheda in modalità anonima
  2. – Crea un account nuovo gmail
  3. – Inserire tutti i dati (evitando il numero di telefono)
  4. – Una volta creato l’account Gmail vai sulla pagina Google Ads e cliccare su accedi
  5. – Cliccare su “hai esperienza con Google Ads”
  6. – Successivamente cliccare su “crea un account senza campagna”
  7. – Siete dentro Google Ads! Ora dovete solo cliccare “salta la configurazione guidata”
  8. – Cliccate a destra sulla chiave inglese e cliccate su Strumento per le parole chiave

Se dopo aver completato tutto il processo vi appare una schermata con la richiesta di configurazione guidata, clicca sul tasto (crea un account senza campagna)

Creazione di una campagna Google ADS
Creazione di una campagna Google ADS

Come si usa?

Una volta dentro lo strumento selezionate “trova nuove parole chiave” e inserite le keyword che vi servono per posizionare le pagine del tuo sito.

Ricerca parole chiave
Ricerca parole chiave

Dopo aver cliccato inizia ti comparirà una schermata come questa:

Lista parole chiave
Lista parole chiave

I dati che a noi interessano sono la media di ricerche mensili e le offerte, queste ci danno un’idea se per quelle keyword gli inserzionisti ci stanno spendendo dei soldi e se spendono anzi fanno offerte, perché parliamo di un sistema ad asta, significa che qualcuno ci sta facendo delle campagne e probabilmente ci sta pure guadagnando, quindi molto probabilmente sono keyword che funzionano, questo dato a noi serve solo per capire e non per pagare le campagne, stiamo pensando in ottica SEO e non campagne annunci PPC (pay per click). Fai attenzione ad un dettaglio, come noterai le parole chiave più lunghe hanno un costo più alto rispetto a quelle secche (formate da una sola parola) perché queste ultime convertono molto meno.

Quali parole chiave scegliere?

Scegli 30 parole chiave, scegliendo le parole meno competitive e con più ricerca, le 2 cose devono essere correlate.

Per capire quali scegliere bisogna calcolare la difficoltà delle parole chiave. Più è specifica la parola chiave più è probabile che ci posizioniamo meglio, soprattutto per i siti web nuovi di zecca. Ora dobbiamo capire quanto è difficile posizionare le keyword scelte, eliminando quelle più difficili e iniziando da quelle più facili, così facendo otterremo i primi risultati in breve tempo. 

Quindi segnati le 30 parole chiave con relativa stima delle ricerche mensili (si è un lavoraccio lo so), dovrai inizialmente scegliere quelle che sono meno competitive e allo stesso tempo con più ricerche mensili. 

Calcolo della competitività 

La competitività indica quanto è difficile salire nelle SERP (Search Engine Result Pages) di un motore di ricerca per una determinata frase o parola chiave.

Per calcolarla puoi usare un tool come SEOZoom, questo tool è ottimo per le keyword in lingua italiana, ne puoi cercare gratis fino a 5 al giorno. Mentre se devi capire la difficoltà di una frase o parola chiave in una lingua diversa puoi usare Ubbesuggest.

Come usare SEOZoom

Inserisci una keyword nella barra di ricerca “cosa vuoi analizzare”

Sito SEOZOOM
Sito SEOZOOM

dopo aver lanciato l’analisi ci restituisce una schermata come questa:

COME SCEGLIERE LE PAROLE CHIAVE PER IL TUO SITO WEB 1

Possiamo vedere che ci fornisce una serie di dati, per ora concentrati sulla voce KEYWORD DIFFICULTY, in questo caso la difficoltà è 64 cosa significa? Provo a spiegartelo con questa scaletta:

  • 1-20 banale: ti posizioni velocemente e molto facilmente
  • 21-29 facile: facile posizionarsi solo con le regole base SEO soprattutto sui contenuti
  • 30-45 media: serve un buon contenuto e aiutare la popolarità del contenuto ottenendo link da altri siti (backlink), menzioni etc…
  • 46-60 difficile: se sei hai un sito nuovo di zecca lascia stare, inizia a posizionarti con le chiavi o frasi con un punteggio fino a 35, poi penserai a quelle difficili.
  • 61 e oltre, solo per esperti e chi ha uno storico:per usare queste keyword il tuo sito avere uno storico, essere autorevole, avere molte keyword già posizionate etc… 

Soprattutto all’inizio non superare il livello medio della difficoltà di posizionamento, posiziona prima 4-5 keyword facili e poi pensa alle altre più impegnative.

Inoltre puoi provare il tool di answerthepublic  per cercare nuove idee inserendo l’argomento GENERALE della tua ricerca. Prima ti ho menzionato anche Ubbesuggest anche questo tool fornisce una scala di difficoltà, ma a mio avviso è meglio tenere in considerazione quella di SEOZoom, mentre con Ubbesuggest concentra la tua attenzione sul volume di ricerca, cioè la voce RICERCA MEDIA VOLUME-IT.

Ti consiglio di creare una pagina per ogni singola parola chiave per la quale ti vuoi posizionare (si può fare anche per più parole chiave ma crearne di specifiche a mio avviso è la tattica che paga di più e più velocemente).


Hai trovato interessante l’articolo? Che ne dici di condividerlo con i tuoi contatti? 😉

Alla prossima!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

ALTRI ARTICOLI

WordPress 5.5 aggiornamento

WordPress 5.5, quali novità?

Ieri ho deciso di testare la nuova versione di WordPress (5.5) uscita ufficialmente il giorno 11 agosto. Si tratta di una major

Restyling sito web Rom Renzi

RESTYLING SITO WEB – Rom Renzi

Restyling del sito web per azienda che produce manufatti in metallo. Nella nuova versione il sito web è stato cambiato il layout

Lascia un commento